RICERCA ALLOGGIO
RICERCA ALLOGGIO


Notti
Partenza : 27/08/2017
Occupanti per camera/alloggio
Numero Adulti
Numero bambini


Pubblicato il 06/07/2017
Ufficio stampa Apt Val di Fassa

Tanti i concerti open air di artisti internazionali ospitati in Val di Fassa, dal 7 luglio al 31 agosto, per il festival "I Suoni delle Dolomiti"

Dici "Suoni" e quasi immancabilmente pensi Val di Fassa. Già, perché nel corso degli anni, e quest’estate sono ventitré, la località che ne ha ospitati di più è stata senz’altro la valle ladina, con i suoi anfiteatri naturali che sembrano fatti apposta per accogliere le straordinarie performance degli artisti de "I Suoni delle Dolomiti". Il festival sceglie anche quest’anno Fassa per sei concerti (su un totale di ventiquattro), tra cui quelli di apertura e chiusura, come accade da tempo, confermandosi il miglior teatro all’aperto del Trentino. Chi non vuole perdersi l’inaugurazione venerdì 7 luglio deve raggiungere Fuciade (ore 13), in quaranta minuti a piedi dal Passo San Pellegrino. La splendida conca, per anni sede del concerto di chiusura della rassegna trentina, quest’anno è stata scelta per l’avvio con "I 12 Violoncellisti dei Berliner Philharmoniker" che danno vita a un concerto degno delle importanti ribalte a cui sono abituati, eseguendo brani di Boris Blacher, Astor Piazzolla, José Carlia e altri. Sveglia di buon mattino, sabato 15 luglio (ore 6) per assistere in prima fila all’"Alba delle Dolomiti" dai 2500 metri del Col Margherita del San Pellegrino, e ascoltare l’inno alla pace che è "Credo". Non c’è situazione più appropriata per l’Orchestra di Piazza Vittorio, noto per suo il progetto di dialogo tra etnie e religioni attraverso il linguaggio universale della musica che unisce grazie a testi e note di Rossini, Britten e De Machaut.
Un concerto popolare, per i brani e la storia che porta sul palco naturale, è "Bella Ciao" venerdì 28 luglio al Buffaure (ore 13), dove si arriva facilmente con la cabinovia da Pozza: Riccardo Tesi, Lucilla Galeazzi, Elena Ledda, Luisa Cottifogli, Alessio Lega, Maurizio Geri e Gigi Biolcati propongono uno spettacolo, nato nel 1964, che ancora oggi è motivo di successo. Mercoledì 2 agosto (ore 13) la Città dei Sassi di Passo Sella, raggiungibile da Campitello con la funivia del Col Rodella e poi un’ora di facile cammino, si accende delle calde note di "The astounding eyes of Rita - Melodie arabe e scoperte sonore", grazie al virtuoso dell’oud tunisino Anouar Brahem, in concerto con il clarinetista Klaus Gesing, il bassista Björn Meyer, il libanese Khaled Yassine al darbouka e bendir. Un’eccezionale viaggio nel tempo tra generi musicali è proposto invece da "BartolomeyBittmann" venerdì 25 agosto (ore 13) al Rifugio Vajolet, dove si arriva da Pera con bus-navetta fino al Gardeccia e poi un’ora a piedi oppure da Vigo con la funivia e poi un’ora e mezza a piedi. Matthias Bartolomey e Klemens Bittmann sono i protagonisti di "Sorprendenti contaminazioni per violino e violoncello" tra classica, rock, jazz, folk. Con un ultimo tango di Hèctor Ulises Passarella, accompagnato dal figlio Roberto, da Tania Colangeli e Marco di Blasio del Centro Bandoneon di Roma si chiude il festival, giovedì 31 agosto (ore 13) al Rifugio Contrin, raggiungibile da Alba in un’ora e trenta di cammino. Il concerto "Mantici in quota tra passione ed espressività" porta in quota tutta la forza e la malinconia di Piazzolla, Gardel, Rodrìguez e Pons.






tourist-guide
VAL DI FASSA TOURIST GUIDE

Scarica l’App ufficiale della Val di Fassa.

Val di Fassa Tourist Guide è l’App mobile gratuita per tablet e smartphone che ti permette di scoprire la valle in un "touch". Disponibile per iPhone e Android

DEPLIANT E BROCHURE

Scarica o sfoglia online le nostre brochure. Di alcune potrai richiederne una copia, che ti verrà spedita a casa

Seguici su