my Fassa



  Invia richiesta
Aggiungi le tue strutture per una richiesta multipla
Italiano Deutsch English English

Sei in: Home  > Inverno  > Val di Fassa  > Territorio  > Dolomiti

*

Le Dolomiti

Le Dolomiti

Capolavori di roccia

Capolavori di roccia

 
 
 
 

I Monti Pallidi

Le Dolomiti il 26 giugno 2009 a Siviglia sono state ufficialmente riconosciute dall’Unesco come Patrimonio Mondiale Naturale dell’Umanità.

Le Dolomiti: centinaia di chilometri quadrati di pareti, torri, guglie e vallate. Richiamo ogni anno per migliaia di visitatori provenienti da tutto il mondo, i "Monti Pallidi" sono dei preziosi gioielli, unici per loro bellezza, che custodiscono i segni di una storia millenaria.
Quando la luce del sole si riflette sulle pareti delle Dolomiti, tingendole di rosso fuoco, o, quando all’alba i primi raggi penetrano all’orizzonte, ecco realizzarsi l’incredibile fenomeno dell’Enrosadira, un’esplosione di colori che in pochi attimi trasforma il panorama e anima magicamente le montagne e tutto il paesaggio circostante.

Gruppo del Sassolungo al tramonto

Le Dolomiti fra monti e valli

Le Dolomiti interessano cinque province (Trento, Bolzano, Belluno, Udine e Pordenone) e tre diversi gruppi etnici-linguistici: italiano, tedesco e ladino.
I principali gruppi montuosi racchiusi nelle Dolomiti sono: Dolomiti di Brenta (nel Trentino occidentale), Sella, Odle-Puez-Putìa, Sciliar-Sassolungo, Marmolada, Pale di San Martino, Catinaccio-Latemar, Civetta-Moiazza, Pelmo-Nuvolau-Croda da Lago, Fanes-Sennes-Braies, Tofane-Cristallo, Sorapiss-Antelao-Marmarole, Cadini di Misurina, Dolomiti di Sesto e Alpi Feltrine-Schiara.

Catinaccio verso le Torri del Vajolet
Torri del Vajolet

Ambiente e paesaggio delle Dolomiti

Le Dolomiti - emerse dal mare tropicale, che si estendeva circa fra le province di Trento e Bolzano, dal fondale ricco di coralli, molluschi, alghe e pesci - vantano un affascinante passato geologico: conservano infatti nelle loro rocce innumerevoli testimonianze di una vita marina iniziata 290 milioni di anni fa. Le Dolomiti si caratterizzano per una singolare alternanza fra rocce sedimentarie ed eruttive.
Le enormi pressioni dell’era glaciale ed i fenomeni erosivi hanno continuato a modellare, nel corso dei millenni, i profili dei "Monti Pallidi" con torrioni, guglie, cime frastagliate, pinnacoli, fino a trasformarle in quei possenti ed incantevoli monumenti che sono oggi.
Le Dolomiti sono dominate, dai 3.343 metri di Punta Penia, dalla Marmolada. Considerata la regina incontrastata di queste montagne per la maestosità e l’imponenza, comprende il ghiacciaio più esteso delle Dolomiti, il cosiddetto "mare gelato".

Panorama verso il Buffaure con la Marmolada sullo sfondo

Storia e natura delle Dolomiti

La Dolomia, la roccia dalle favolose sfumature di cui le Dolomiti sono composte, prende il nome dal geologo francese Déodat de Dolomieu (1750 - 1801), il primo a raccogliere e studiare il minerale. Il nome Dolomia venne scelto, proprio in onore del collega, dall’amico chimico svizzero Nicolas-Théodore de Saussure, a cui fu affidato il compito di analizzare alcuni campioni di roccia. Si scoprì che le pallide montagne del Sudtirolo erano costituite da un minerale fino ad allora sconosciuto nella sua formula chimica: un carbonato doppio di calcio e magnesio. Quella casuale scoperta segnò l’avvio di studi e di ricerche sulla natura delle Dolomiti da parte dei più autorevoli rappresentanti dell’alpinismo di esplorazione del tempo, come John Ball, J. Gilbert e G.C. Churchill, Paul Grohmann ed il fassano Tita Piaz.
Oggi sono numerosi i sentieri, le ferrate, i percorsi attrezzati, le arrampicate su vie storiche e i trekking che permettono di raggiungere le più belle cime dolomitiche.

 
 
 
 

*

share us

facebook flickr twitter youtube google+

newsletter

newsletter