RICERCA ALLOGGIO
RICERCA ALLOGGIO


Notti
Partenza : 01/03/2018
Occupanti per camera/alloggio
Numero Adulti
Numero bambini


Pubblicato il 11/02/2018
Ufficio stampa Apt Val di Fassa

Appena conclusa l’edizione svizzera di Davos, comincia la fase più intensa di preparazione dell’evento che si terrà nella valle ladina dal 18 al 27 febbraio 2019

Un anno ai Mondiali Junior di Sci Alpino in Val di Fassa: con la consegna, nei giorni scorsi a Davos dove si sono svolti i Mondiali junior 2018, del testimone simbolico dei giovani atleti svizzeri ai coetanei del Team Italia, sono cominciati ufficialmente i dodici mesi di preparazione della valle ladina all’importante manifestazione sportiva internazionale, che si terrà qui dal 18 al 27 febbraio 2019. In realtà, la macchina organizzativa è già in moto da diversi mesi in Val di Fassa, grazie al comitato presieduto da Davide Moser e diretto dal segretario generale Filippo Bazzanella che assieme agli altri componenti si stanno dimostrando particolarmente attivi. Assieme alla visita, di un anno fa, ad Åre, è stata altrettanto proficua la presenza a Davos di diversi membri del comitato per carpire informazioni utili, consigli e direttive da chi era in quel momento in campo, ma anche per lasciare un segno benaugurante come la statua di ghiaccio scolpita sul parterre svizzero dagli studenti del Liceo Artistico Soraperra di Pozza. «Siamo stati diversi giorni a Davos - spiega il segretario Bazzanella - in vari gruppi e momenti distinti: la segreteria che ha seguito l’ufficio gara, la zona accrediti e altri aspetti organizzativi, quindi i referenti del settore controlli e soccorso, i tecnici di pista Cesare Pastore e Marco Costazza e una delegazione del nostro board, rappresentata dal vicepresidente Renzo Minella e dall'assessore al turismo, sport, politiche giovanili, economia, commercio e artigianato del Comun General de Fascia Matteo Iori, che hanno consegnato come ringraziamento ai colleghi di Davos alcuni trofei realizzati in legno di cirmolo dai ragazzi del Liceo Artistico di Pozza, istituto che ha allestito nella zona parterre la scultura in ghiaccio raffigurante i simboli dei due Mondiali, svizzero e italiano, oggetto di numerosi scatti da parte di atleti, come lo stesso Marco Odermatt, ma pure da turisti e famiglie che si sono portati a casa una foto ricordo». Dopo il confronto svizzero l’organizzazione si concentra nei prossimi mesi di lavoro, che vedranno anche il coinvolgimento di un consistente numero di volontari: «Tutte le energie - sostiene Bazzanella - sono proiettate su questo evento. Benché si tratti di una manifestazione giovanile, dobbiamo affrontare una serie di aspetti organizzativi nuovi e, soprattutto, vogliamo che diventi un Mondiale di qualità dal punto di vista sportivo, ma anche un grande evento nel quale vi sia spazio per il folklore, il Carnevale, la ladinità e l’italianità. Vogliamo lasciare il segno, cercando di creare un'atmosfera di fratellanza e di vicinanza fra le varie delegazioni e vogliamo accreditare la Val di Fassa e il Trentino come sede di eventi di alto livello, pronta ad accogliere nuove sfide dopo il Mondiale, convinti che sarà un successo».






tourist-guide
VAL DI FASSA TOURIST GUIDE

Scarica l’App ufficiale della Val di Fassa.

Val di Fassa Tourist Guide è l’App mobile gratuita per tablet e smartphone che ti permette di scoprire la valle in un "touch". Disponibile per iPhone e Android

DEPLIANT E BROCHURE

Scarica o sfoglia online le nostre brochure. Di alcune potrai richiederne una copia, che ti verrà spedita a casa

Seguici su