Alpe Lusia   Sentiero Natura

Alpe Lusia - Sentiero Natura

Sentiero tematico

Questo facile percorso, particolarmente adatto alle famiglie con bambini, racconta storie e curiosità dei boschi che circondano l’Alpe Lusia, invitando gli ospiti ad osservare la natura con occhi diversi, nel pieno rispetto dell’ambiente dolomitico.

E’ un piccolo museo naturale a cielo aperto, ...

tutto da scoprire. L’ingresso è libero: i protagonisti sono soltanto l’uomo e la natura. Pannelli illustrativi accompagnano i visitatori lungo l’intero il percorso. Il sentiero parte da Valbona (raggiungibile da Ronchi-Moena in cabinovia, primo tronco). Dalla stazione a monte dell’impianto, dove si trova anche il ristorante Chalet Valbona ed il parco giochi per bambini, ci si dirige verso la Malga Pozza, percorrendo un breve tratto pianeggiante. Non appena la strada sterrata inizia a salire si prende il sentiero che scende a sinistra. Si prosegue entrando nel bosco e, seguendo un piacevole e facile tracciato, si raggiunge il Rifugio La Rezila (m 1.761) ai margini di un’ampia e soleggiata radura. A ridosso del rifugio si vince una breve salita costeggiando una bella distesa prativa chiusa da una siepe. Si raggiunge una baita di nuova costruzione ed un bivio. Mentre a destra il sentiero n. 623 se ne va verso il Rifugio Lusia, si prosegue dritti sul sentiero n. 625 ad attraversare il rio che scende dal passo. Con comodi tornanti si risale l’altro versante uscendo agli ameni pascoli di Colvere. Il ritorno avviene lungo lo stesso percorso.

 

Consiglio dell'autore:

Superato il Rifugio La Rezila e ripreso il sentiero n. 625 in direzione di Colvere, inizia un bel percorso di "forest bathing" ("bagno nella foresta") a tappe per vivere la natura attraverso tutti i sensi. Primo step: "tree hugging" o silvioterapia, ovvero la pratica celtica di abbracciare gli alberi per assorbire le loro virtù benefiche, un vero toccasana green contro lo stress quotidiano. In particolare, gli abeti aiutano nella guarigione di fratture e a ridurre il gonfiore. Secondo step: "barefooting", a piedi nudi su erba, foglie, muschio, cortecce e sassi. Oltre ad incidere positivamente su umore e sonno, questo tipo di camminata aiuta a migliorare postura, metabolismo ed equilibrio. Terzo step: Kneipp terapy. Immergere i piedi in un ruscello per beneficiare del potere curativo dell’acqua fresca e pura di alta montagna.

Poco prima di raggiungere la baita comunale di Colvere sono ben visibili le postazioni delle cannoniere austriache della Prima Guerra Mondiale, posizionate in strutture di cemento armato. Un sentiero trincerato entra nel bosco e, in discesa, conduce all’osservatorio: una rete di gallerie costruite nella roccia, munite di finestre e feritoie per tenere sotto tiro il Passo San Pellegrino, dove iniziava il fronte italiano. Si consiglia l’uso di una torcia elettrica per visitare le gallerie e di indossare abbigliamento e calzature adeguati. In estate è possibile partecipare ad escursioni guidate.

Leggi tutto

Grazie

Grazie: ti abbiamo inviato una mail per attivare la tua iscrizione e selezionare le tue preferenze se previsto.

Qualcosa è andato storto

Riprova

Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Annulla
Chiudi

Concept, Design, Web

KUMBE DIGITAL TRIBU
www.kumbe.it | info@kumbe.it 

Chiudi

Grazie

La sua richiesta è stata inviata correttamente e le risponderemo al più presto. Una copia dei dati che ci ha fornito è stata inviata al Suo indirizzo email.

Chiudi

Richiedi informazioni

Stai inviando la richiesta a: APT VAL DI FASSA