PENÌA   LORENZ   VERRA   PENÌA

PENÌA - LORENZ - VERRA - PENÌA

Passeggiata

Passeggiate Si parte dalla piazzetta centrale di Penìa per salire a destra della fontana sul Troi de Lorenz e uscire sui prati alle spalle dell'abitato. Si prosegue sulla strada, selciata nei punti di maggiore pendenza, che taglia il ripido pendio per raggiungere dapprima l’abitato di Lorenz, con la ...

sua chiesetta, e quindi, un poco più a monte, quello di Vera. Si passa a destra della chiesetta dedicata alla Madonna de l’Aiut continuando sulla strada asfaltata e pianeggiante con una magnifica vista sull'imponente parete nord del Gran Vernel. Sulla sinistra, in alto, a qualche decina di metri dalla stradina, i ruderi di Insom testimoniano l'esistenza di un terzo nucleo abitativo. Si va sul piano lungo la strada asfaltata per raggiungere il torrente Ruf de Penìa, al di là del quale si va a destra per la comoda strada di ghiaia bianca, che in leggera discesa, si inoltra nel bosco. Si attraversa la radura prativa di Udàer scendendo verso la sottostante strada statale. La si segue verso destra per circa 150 metri sino al guardrail del ponte sul torrente Avisio. Si passa esternamente ad esso su ben evidente sentiero di fine ghiaia bianca. Entrati nel bosco lo si attraversa con percorso sinuoso, dapprima pianeggiante poi in leggera discesa. Allorché la discesa si accentua, tenendosi sempre sul tracciato principale, si raggiunge la strada asfaltata. Si risale fino ad attraversare il ponte, seguendo la strada provinciale ancora per una trentina di metri. Si entra a destra nel bosco su ben visibile sentiero che si snoda piacevole alla base dell’imponente parete nord del Gran Vernel, in leggera discesa, seguendo il corso del torrente Avisio. Poco oltre si incontra una passerella che porta verso l’antica segheria veneziana (una delle sezioni sul territorio del museo etnografico ladino). Il sentiero fa parte dell'interessante percorso didattico denominato "L'ega te cuna - l’acqua bambina", per conoscere le origini e il mondo dell’acqua. Si giunge poi in prossimità di una ponte sulla destra, lo si attraversa e si giunge nella parte bassa dell’abitato di Penìa dove si passa fra l’albergo Sonia a destra ed una bella casa rurale con fienile a sinistra, fino a raggiungere la strada principale. In alternativa, non si attraversa il ponte ma si prosegue sul sentiero e ci si congiunge al percorso Canazei - Pènt de la Roa - Molin - Penìa - Canazei. Consiglio dell'autore: Si consiglia l'utilizzo di bastoncini da trekking.

Leggi tutto

Grazie

Grazie: ti abbiamo inviato una mail per attivare la tua iscrizione e selezionare le tue preferenze se previsto.

Qualcosa è andato storto

Riprova

Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Annulla
Chiudi

Concept, Design, Web

KUMBE DIGITAL TRIBU
www.kumbe.it | info@kumbe.it 

Chiudi

Grazie

La sua richiesta è stata inviata correttamente e le risponderemo al più presto. Una copia dei dati che ci ha fornito è stata inviata al Suo indirizzo email.

Chiudi

Richiedi informazioni

Stai inviando la richiesta a: APT VAL DI FASSA