POZZA   BUFFAURE (Poza Bufaure)   SELA BRUNÉCH   RIFUGIO PASSO SAN NICOLÒ   VAL SAN NICOLÒ (Val De Sèn Nicolò)   POZZA

POZZA - BUFFAURE (Poza-Bufaure) - SELA BRUNÉCH - RIFUGIO PASSO SAN NICOLÒ - VAL SAN NICOLÒ (Val de Sèn Nicolò) - POZZA

Trekking

Traversate in quota Raggiunto il Buffaure (m 2.060) con la cabinovia, si scende il pendio fino alla sella per andare poi a sinistra sull’ampia pista da sci (qui in basso, sulla destra, si può salire anche con la seggiovia che porta fino al Col de Valvacin) e raggiungere la località Buffaure di Sopra, ...

presso il Rifugio Baita Cuz a m 2.213.Si riprende a salire e, con un comodo zigzag, si esce sulla cresta. Si va verso la stazione a monte della seggiovia seguendo il sentiero segnavia n. 613, superando poi la ripida rampa che conduce al Sas de Adam a m 2.433 (grandioso panorama circolare su tutte le Dolomiti di Fassa) oltre il quale si inizia a scendere. Allorché la cresta si innalza di nuovo, se ne attraversano le pendici nord fino alla località Sela Brunéch a m 2.420 (ore 2.00). A monte della seggiovia (qui il sentiero diviene n. 613B) si risale in direzione della cresta sottile che chiude a sud la conca di Ciampac e si apre, a destra, con una spettacolare vista sulla Val San Nicolò. Percorsa la cresta per intero si giunge fino agli aspri contrafforti del Sas de Roces che costringono a spostarsi sul versante della Val San Nicolò (Val de Sèn Nicolò). Si scendono alcuni tornanti per attraversare poi una lunga diagonale sempre in quota, attrezzata in alcuni punti scoscesi da una fune metallica, sino a raggiungere l’ampia sella erbosa a monte del Sas Bianch. Si percorre in salita il sentiero segnavia n. 613 che, con un ripida diagonale, attraversa il versante ovest del Varosc, dove sono ancora presenti resti di fortificazioni risalenti alla Prima Guerra Mondiale. Se ne scende il declivio est in vista del Rifugio Passo San Nicolò (m 2.346) che si raggiunge in pochi minuti (ore 2.00; 4.00). Si rientra scendendo nella Val San Nicolò per la il sentiero n. 608, con ampi scorci sulle stratificazioni geologiche del ruscello Rois del Giaf, fino alla Baita Ciampié a m 1.826 (ore 1.00; 5.00) ed a Pozza per la strada asfaltata (ore 1.30; 6.30).In alternativa, dalla Sela Brunéch, si percorre una prima parte di cresta e si giunge subito ad un bivio. Si scende a destra lungo un sentiero che taglia il versante erboso della Val di Roseal fino alla località Foscac di Sopra, dove si trovano tre bellissime baite, oltre le quali s’imbocca un sentiero a zigzag che sfocia su una strada forestale. In breve si giunge al monumento ai caduti della Prima Guerra Mondiale e alla Baita Ciampiè a 1.826 m in Val San Nicolò, da dove si rientra a Pozza. Consiglio dell'autore: Trasporto con impianti

Leggi tutto

Grazie

Grazie: ti abbiamo inviato una mail per attivare la tua iscrizione e selezionare le tue preferenze se previsto.

Qualcosa è andato storto

Riprova

Chiudi

Iscriviti alla newsletter


Annulla
Chiudi

Concept, Design, Web

KUMBE DIGITAL TRIBU
www.kumbe.it | info@kumbe.it 

Chiudi

Grazie

La sua richiesta è stata inviata correttamente e le risponderemo al più presto. Una copia dei dati che ci ha fornito è stata inviata al Suo indirizzo email.

Chiudi

Richiedi informazioni

Stai inviando la richiesta a: APT VAL DI FASSA